Sentita cerimonia a Staranzano

Il rinnovo del patto di gemellaggio è un atto protocollare e simbolico con il quale i rappresentanti delle due comunità riconfermano l’attaccamento agli ideali propri del documento. Il 20 maggio ci sarà la solenne cerimonia a Renče mentre il 22 aprile si è svolta già la prima parte del rinnovo del gemellaggio a Staranzano. La cerimonia con i saluti e i discorsi delle autorità è stata arricchita dalla partecipazione del coro dei ragazzi della Scuola Elementare Lucijan Bratkovič Bratuš di Renče e del coro maschile Provox.

Entusiasmo per il coro giovanile
Il programma è stato presentato da Michele Rossi e Sonja Božič. Il pubblico ha seguito con entusiasmo l’esibizione del numeroso coro giovanile di Renče, diretto da ormai diversi anni dalla maestra Nataša Domazet e accompagnato dai fisarmonicisti Tai Žnidarčič, Žiga Mozetič e Maks Martinuč che si sono esibiti anche individualmente con melodie tipiche slovene. Infine Tinkaro Hladnik, accompagnata da Maja Cotič alla tastiera, Lina Lazić al flauto e Nika Uršič alla chitarra, ha affascinato il pubblico per la valida interpretazione di “This is gospel”.

Saluti e discorsi
Hanno salutato i presenti il consigliere regionale Diego Moretti, il presidente dell’AICCRE Franco Brussa, il parroco Francesco Fragiacomo e il Sindaco di Renče-Vogrsko Aleš Bucik che ha ricordato alcuni nomi importanti per il gemellaggio e il significato di questa collaborazione.
Sono seguiti i discorsi del Presidente della Comunità Locale di Renče Borut Zorn e del Sindaco di Staranzano Riccardo Marchesan.
Entrambi hanno sottolineato il valore delle iniziative e dei progetti che hanno segnato la strada di stretti rapporti tra le due comunità. Marchesan ha ricordato i numerosi promotori del gemellaggio che contribuirono a concretizzare i valori di collaborazione ed auspicato la volontà di riconfermare le relazioni con costanza e determinazione.

Riconoscimenti, doni e solenne firma del patto
I primi a firmare l’atto sono stati il Sindaco di Staranzano e il Presidente della Comunità Locale di Renče, poi il Sindaco del Comune di Renče-Vogrsko, i rappresentanti del Comune di Staranzano e i membri dei comitati promotori della manifestazione. Lo scambio dei doni è stato un altro momento simbolico e sentito da entrambe le parti. Borut Zorn ha consegnato in dono al Sindaco di Staranzano un calice di cristallo, il Calice della saggezza, manufatto dall’artista Oskar Kogoj. Un particolare riconoscimento è stato dato all’Istituto Comprensivo Dante Alighieri di Staranzano. Alla fine i rappresentanti delle due comunità hanno sottolineato l’importanza di trasmettere alle nuove generazioni i valori positivi di amicizia e reciproca collaborazione.

A conclusione della manifestazione si è esibito il coro maschile Provox che già da anni contribuisce con i propri canti ad arricchire i contenuti del gemellaggio. In questa occasione il coro è stato diretto dalla giovane direttrice Minka Markič che ha saputo armonizzare i canti con successo e passione.
È seguito il rinfresco in sala Delbianco, con scambio di impressioni e pareri per nuovi progetti di futura collaborazione.